News

29/10/2010

80 ANNI DI STORIA CON MALAGUTI

Malaguti: un’avventura lunga 80 anni fatta di passione, ricerca e creatività sempre al passo con l’evoluzione dei mercati, i gusti dei consumatori e una concorrenza agguerrita.
Un marchio che ha saputo costruire un'identità forte riuscendo a rappresentare non solo i valori di un’azienda,
ma anche un mezzo di trasporto: lo scooter.
Quando pensi a uno scooter ancora oggi pensi a Malaguti.

Malaguti, nel settore motori, rappresenta al meglio il vero concetto del Made in Italy: proprietà e gestione ancora oggi in mano alla famiglia del suo fondatore Antonino Malaguti. Due generazioni Malaguti, il figlio Learco e i due nipoti Marco e Antonino, attualmente alla direzione dell’azienda. Una bella storia di imprenditori emiliani che hanno saputo trasformare un sogno nato 80 anni fa in una realtà fatta di successi e sacrifici.
L’anniversario non rappresenta solo un percorso imprenditoriale ricco di successi ma anche l’occasione per riflettere su come affrontare al meglio le nuove sfide facendo buon uso delle esperienze passate.
La determinazione e l’intuito di certo non mancheranno e sicuramente Malaguti riuscirà, come in passato, a stupirci e a conquistarci con nuove proposte e soluzioni ancora più innovative.

L’avventura di Antonino Malaguti, costruttore di biciclette, ha inizio nel 1930, con soli 15 dipendenti. Subito le due ruote, associando il marchio ai campioni dell’epoca, riuscirono a farsi notare per qualità, invenzioni e tecnologie d’avanguardia.
Nel dopoguerra, dalla produzione di biciclette si passò alla realizzazione ciclomotori, attività poi divenuta il core business dell’Azienda. Partirono da un modello tipo MOSQUITO, una bici con il motore montato su uno speciale telaio Malaguti con serbatoio integrato, e con l’EXPRESS che prese il suo nome dal motore di fabbricazione tedesca, modello che fece conoscere il marchio a livello internazionale.

Oltre 2.500.000 i veicoli prodotti in totale tra i quali i modelli di punta che hanno fatto la storia dell’azienda come il Fifty, un motorino con le marce ribattezzato “tubone” per la forma del telaio che inglobava il serbatoio (anno inizio produzione 1975), l’F10 (anno di produzione 1992) e il Phantom (anno inizio produzione 1994); di quest’ultimo sono state prodotte più di 400.000 unità.
La gamma dei modelli Phantom è risultata essere al primo posto nelle vendite nel comparto degli scooter sportivi 50cc nel 2009 e mantiene la vetta anche in questo inizio 2010.
Grandi soddisfazioni anche per la gamma Centro 50/125/160cc che alla fine del 2009 è già riuscita a superare le 25.000 unità prodotte.
L’ampia gamma di prodotti Malaguti – scooter e motocicli - comprende modelli che vanno dai 50 cc ai 500 cc in grado si soddisfare le diverse richieste dei mercati internazionali.

Il moderno stabilimento produttivo di Castel San Pietro Terme, sede legale della società, e quello di San Lazzaro di Savena si estendono per oltre 55.000 mq di superficie con circa 200 addetti.
Oltre agli uffici direzionali, commerciali Italia e estero e al reparto produttivo (dal R&D, alla industrializzazione, alla produzione con 4 linee di montaggio) nello stabilimento di Castel San Pietro Terme vengono prodotte anche le plastiche dei propri scooter, riuscendo a soddisfare il fabbisogno produttivo interno e producendo anche per conto terzi.

Con una produzione che nel 2009 ha superato le 30.000 unità, Malaguti distribuisce in modo capillare in Italia con una rete di oltre 430 rivenditori e all’estero esporta in tutto il mondo, con un maggiore consolidamento nei mercati europei dove è presente dall’inizio del dopoguerra.

Il marchio Malaguti, da sempre sinonimo di innovazione, ricerca e tradizione, dopo un lungo viaggio durato 80 anni oggi è pronto a fronteggiare con orgoglio e determinazione le nuove sfide che lo aspettano.
 

Indietro